"Fra gli 82 e i 90 anni ero disoccupato"

Come vede il mondo una persona di 96 anni? Il concetto che la giovane generazione ha riguardo all'anzianità, corrisponde davvero alla realtà? La campagna "Apprendisti pensionati" di Swiss Life in Svizzera riesce ad avvicinare le persone alla vita nella vecchiaia.

Provare come si vive l'anzianità: è quello che hanno fatto quattro giovani
per conto di Swiss Life. Ne sono così scaturite quattro storie toccanti, dedicate – ognuna nel suo modo specifico – alla vita più lunga e secondo le proprie scelte. Ogni documentario mette lo spettatore di fronte al proprio concetto di vecchiaia, consentendogli di appurare se esso corrisponde alla realtà.

Ogni filmato incorpora un profilo di terza età: "Rebel Ager" (Christa de Carouge), "Conservative Ager" (Toni Borter),"Ageless Ager" (Charles Eugster) e "Predictive Ager" (Verena Speck).

Uno studio sulla futura anzianità

I quattro profili di terza età dei filmati "Apprendisti pensionati" si basano sullo studio "Digital Ageing – verso la società senza età" www.gdi.ch/swisslife. Lo studio è stato effettuato nel 2015 dal centro svizzero Gottlieb Duttweiler Institute (GDI) su incarico di Swiss Life. In base a un sondaggio esso abbozza vari scenari su quella che potrebbe essere la vita dei pensionati del futuro e sulle conseguenze della longevità su economia e società.

"Rebel Ager" (Christa de Carouge)

"Conservative Ager" (Toni Borter)

"Ageless Ager" (Charles Eugster)

"Predictive Ager" (Verena Speck)

Like it? Share it!

×